La parodontite, sinonimo del desueto termine piorrea, e’ un’ infezione dei tessuti vicini al dente che causa un lento deterioramento e indebolimento delle gengive e dell’osso alveolare.

La causa è l’accumulo dei batteri in prossimità del colletto (la parte del dente più vicina alla gengiva), che favorisce una ritrazione dell’attacco gengivale verso la radice con conseguente

formazione di una tasca. Per una completa rimozione di placca e tartaro da una tasca profonda è quindi indicato un trattamento professionale.

I principali segni clinici della parodontite sono:

il colore delle gengive non più rosa ma rosso-viola, il sanguinamento dopo aver lavato i denti, che puo’ essere spontaneo nelle forme più gravi, la mobilità del dente e l’alitosi, il cosiddetto "alito pesante". Ciò a cui si va incontro trascurando questi sintomi è una forma acuta di parodontite che aggravandosi puo’ portare alla perdita dei denti.

Per la cura di questa patologia sono previsti diversi metodi di intervento, effettuati da un

professionista, tra cui il sondaggio parodontale, la tecnologia a ultrasuoni e il laser a diodi. Questi metodi agiscono sui batteri delle tasche infette asportando l’epitelio malato e favorendo la guarigione dei tessuti.

La sinergia tra l’indagine parodontale e la valutazione dello stato di salute degli altri elementi del cavo orale assicurano al paziente il benessere della bocca.

Categoria: